POLIPROPILENE (PP)

Il polipropilene è un polimero termoplastico, semicristallino, incolore, traslucido, che può raggiungere elevati livelli di trasparenza, paragonabili a quelli del Pet, grazie all’utilizzo di specifiche tecnologie di lavorazione. Ha buone proprietà fisiche e meccaniche ed un peso specifico molto basso, mentre la permeabilità all’acqua è minima; mantiene bene le proprie caratteristiche di resistenza meccanica e chimica fino a circa 120°. I contenitori in PP sono impiegati in svariati settori del confezionamento alimentare: ortofrutta, carne, pesce, ecc. Un’applicazione ricorrente, date le sue elevate caratteristiche di resistenza al calore, è quella del confezionamento di alimenti che devono subire trattamenti di pastorizzazione o sterilizzazione e dell’utilizzo del micro-onde per il riscaldamento dei cibi. Un grande vantaggio del PP, più di altri polimeri, è quello di poter essere prodotto con diverse formulazioni, in modo da ottenere caratteristiche differenti per i più svariati utilizzi, tanto da renderlo assimilabile alla famiglia dei tecnopolimeri. Le caratteristiche di saldabilità sono elevatissime, sia con i films PP che con films base PE (in questo caso la struttura del contenitore dovrà essere in PP-PE) e la confezione risulta perfettamente sigillata e senza deformazioni. Le caratteristiche di resistenza all’ossigeno ed al biossido di carbonio sono da ritenersi di media-bassa barriera e la sua riciclabilità è massima anche nella struttura PP-PE, essendo entrambi materiali poliolefinici.

Un grande vantaggio del PP, più di tutti gli altri materiali sintetici, è che può essere disponibile in diverse formulazioni, così da ottenere caratteristiche differenti per i più svariati utilizzi. I contenitori sono facilmente saldabili con film base PP o PE.

PP/EVOH/PP-PE

Nel caso in cui dovesse occorrere una shelf-life più lunga, l’aggiunta di uno strato intermedio di EVOH conferirebbe al materiale caratteristiche di barriera ai gas superiori, rendendolo un materiale ad alta barriera. Le proprietà del contenitore, tuttavia, in termini di trasparenza, resterebbero essenzialmente invariate e dipenderebbero dal livello di trasparenza del film utilizzato.
La piramide a lato misura, secondo i parametri di Greenpeace, l’impatto ambientale dei vari polimeri. Quelli in alto sono considerati a più alto impatto ambientale, mentre ai piedi della piramide ci sono i bio-polimeri. E’ importante notare che le poliolefine, e quindi il PP, si trovano subito sopra i bio-polimeri. Il PP può essere riutilizzato nei termovalorizzatori, per il suo elevato contenuto energetico e per le sue basse emissioni, oltre ad essere facilmente riciclabile per realizzare nuovi manufatti.

POLIETILENE TEREFTALATO (PET)

Il polietilene tereftalato, comunemente abbreviato con la sigla (PET), è un polimero termoplastico lineare appartenente alla famiglia dei poliesteri. Con il 18% circa del mercato mondiale, è la terza famiglia di polimeri più diffusi, dopo quella delle poliolefine (PE-PP). La sua inerzia chimica e le sue proprietà fisiche lo hanno reso particolarmente adatto alle varie applicazioni nell’imballaggio alimentare: bottiglie, vaschette per alimenti, films, ecc. Il confezionamento in PET offre infatti un’ottimale combinazione tra rigidità, trasparenza ed effetto barriera.

Un grande vantaggio del PET nasce dal fatto che, essendo largamente usato per la produzione di bottiglie di acqua minerale e bevande in generale, è ampiamente disponibile come rifiuto. Grazie alla sua ottima riciclabilità e ai moderni sistemi di separazione dei materiali negli impianti di riciclo, risulta facilmente identificabile e processabile nelle operazioni di recupero e riciclo per la produzione di materia prima seconda (R-PET). La struttura PET/R-PET/PET, infatti, è utilizzata per la realizzazione di contenitori in varie forme e profondità. I contenitori in PET sono ampiamente utilizzati nel confezionamento alimentare e, grazie alla particolare brillantezza e trasparenza, sono particolarmente apprezzati nei settori della pasticceria, gastronomia e soprattutto salumeria. Il Pet, in quanto materiale di media-alta barriera, risulta idoneo per il confezionamento in atmosfera protettiva. La saldabilità non è tra i suoi punti di forza, ma con l’aggiunta di una pellicola PE può essere facilmente saldato con i principali films top; in questo caso, tuttavia, le sue caratteristiche di riciclabilità risultano compromesse

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta l'uso di tali tecnologie.